Giugno è il mese più arcobaleno dell’anno, ma per le mamme e i papà gay ogni giorno è un tripudio di colori. Da quando Noah, quattro mesi fa, è arrivato nella vita di mamma e mami, ad esempio, questa ha acquisito le tonalità dell’arcobaleno. Forse non tutti sanno che “arcobaleno” vengono chiamati i bambini arrivati dopo un lutto perinatale, ma “arcobaleno” è anche la bandiera della libertà simbolo dell’orgoglio e dei diritti LGBT+, molti dei quali oggi sono ancora negati in tante parti del mondo. “Noah è un bambino arcobaleno – dicono le mamme di Superfamily, l’account su Instagram che ritrae la quotidianità di una famiglia omogenitoriale – non perché è arrivato dopo una perdita, ma perché ha portato la luce nella nostra famiglia e come lui tantissimi bambini e bambine in tutto il mondo”.

Eppure sono ancora troppi i pregiudizi della società sulle famiglie omossessuali, pregiudizi che in nome del “contro natura” colpiscono anche le famiglie che si sono formate grazie a un percorso di riproduzione assistita, due condizioni che abbiamo raccontato nel nostro primo libro “C’è una volta” con l’obiettivo di renderle come le altre, né migliori né peggiori, e di cui abbiamo parlato con le due mamme che vivono felici a Lanzarote, alle Canarie.

Che ricordo avete del vostro percorso di riproduzione assistita?

Un misto di nervosismo ed eccitazione. Mamma Ixsys era molto spaventata perché voleva che andasse bene al primo tentativo ma i medici ci avevano che aveva ovaie policistiche e una bassa riserva ovarica. Per questo il brivido di vedere il risultato positivo alla prima inseminazione è stato qualcosa di molto, molto magico.

Come e quando avete raccontato ai vostri figli come sono nati?

Al momento insieme abbiamo solo Noah, un bambino di quattro mesi molto bello e amato. Quando crescerà gli diremo come è stato portato in questo mondo e quanto sia stato amato ancor prima che esistesse nel grembo materno.

Avete un profilo instagram in cui mostrate la quotidianità della vostra famiglia. Ci sono genitori o futuri genitori che vi chiedono consigli? Cosa vi domandano più spesso?

Sono soprattutto le mamme a scriverci: ci chiedono aiuto, consigli o incoraggiamento perché stanno iniziando il percorso di riproduzione assistita o semplicemente perché hanno bisogno di parlare con qualcuno che ha già la famiglia che desiderano.

Cosa è per voi la famiglia e cosa la genitorialità?

Essere madri insieme per noi è una sfida piena di amore e benedizioni. È un’avventura magica in cui Noah è la ciliegina sulla torta. Per noi la famiglia è tutto, in special modo il posto in cui trovi un’oasi di pace e conforto quando fuori le cose si mettono male. Per noi la famiglia è sinonimo di amore.

Mostra commentiChiudi commenti

Lascia un commento